Morcote celebra l’arte contemporanea con le sculture e le installazioni di quindici artisti attraverso una mostra ideata come un percorso che si dipana nel borgo. Lungo il tracciato si incontreranno due installazioni create per l’occasione: la prima nel cuore storico e glorioso di Morcote, la Torre del Capitano, dove Alex Dorici ha progettato due strutture con della corda navale, illuminate dalla luce di Wood; la seconda su un pontile, omaggio di Miki Tallone alla specificità lacustre di Morcote, con la realizzazione di una palafitta contemporanea partendo da una tipologia abitativa in auge dal Neolitico. Affacciato sul lago, un anonimo container è stato convertito al suo interno in un labirinto di specchi da Christian Megert. La percezione ingannata di questa stanza dell’infinito, viene successivamente elevata attraverso la magnifica vista su Porto Ceresio, filtrata da una nuvola di lana d’acciaio entro plexiglas, opera di Margherita Turewicz Lafranchi.

Il percorso culmina all’interno dell’eclettico Parco Scherrer, costruito negli anni Trenta dal visionario imprenditore Arturo Scherrer, che custodisce, oltre a padiglioni e strutture artificiali rievocanti le meraviglie provenienti dai quattro angoli della terra, le sculture di nove artisti di fama internazionale. Buon percorso!

 

 

Vedi programma Un percorso d’arte 2016 |  Torna a “Lo spazio ritrovato”